Un pò di noi

Matutateatro nasce dall’incontro tra Julia Borretti e Titta Ceccano. Siamo attori, autori e registi e raccogliamo l’eredità bastarda di un teatro artigianale difficilmente inquadrabile in confini di genere o etichette. Nella nostra autoformazione abbiamo incontrato il teatro di tradizione e il teatro di strada, l’Odin Teatret e Mamadou Dioume, Bogdanov e Michele Monetta, Quartucci-Tatò e il Teatro Ippocampo, Marise Flach, Enzo Moscato e Furio Scarpelli in un rapporto continuo e necessario con la pluralità dei linguaggi della scena.

Le nostre produzioni circuitano in importanti festival e rassegne nel panorama dei Teatri off italiani ricevendo premi e riconoscimenti (Premio speciale della giuria al Festival 3×3, finalisti ad Argot Off 2012, Premio della Critica _Teatro Rossini/Gioia del Colle al Festival VdA 2013, Premio della Critica e della Giuria – secondo premio – ad Ermo Colle 2013), ma anche in importanti rassegne di Teatro Ragazzi (Piccoli Indiani del Teatro di Roma, i Teatri del Mondo di Porto Sant’Elpidio) e Festival Internazionali (In Scena New York 2016).

I nostri spettacoli si nutrono di un rapporto stretto con le altre arti (musica e cinema soprattutto) e risultano spesso diversi tra loro, ma con un comune denominatore: la rielaborazione dei codici della ricerca all’interno di un linguaggio popolare in grado di parlare ad un grande pubblico, dando vita così ad una originale commistione di alto e basso, di colto e popolare, di sperimentale e tradizionale che è la cifra più evidente della nostra Compagnia.

Nel 2007 ci siamo inventati il MAT spazio_teatro, un piccolo teatro da 35 posti nel centro storico di Sezze (LT), che ogni anno ospita stagioni e festival teatrali, accogliendo gli artisti emergenti della scena contemporanea nazionale, incontri e seminari con pedagoghi e maestri del teatro di livello internazionale (Elena Bucci, Roberto Latini, Abbondanza Bertoni, Ilaria Drago, Masako Matsushita) laboratori permanenti, mostre, concerti, letture, videoforum e proiezioni. Grazie alla sua vocazione di luogo di frontiera al centro e grazie a un’intensa attività quotidiana, negli anni il MAT ha avuto un forte impatto sul nostro territorio riuscendo a coinvolgere nei suoi progetti giovani artisti, bambini, anziani, immigrati e pazienti psichiatrici, contribuendo in maniera determinante alla formazione di un nuovo pubblico, tanto da essereinserito nel 2016 nel Catalogo della Regione Lazio delle Buone Pratiche Culturali.

Oltre alla direzione artistica del MAT Spazio-Teatro, dal 2014 al 2018 abbiamo diretto la stagione   dedicata alla nuova drammaturgia contemporanea Scenari Contemporanei e, sempre dal 2014, siamo direttori artistici di Famiglie a Teatro, una stagione interamente dedicata al teatro per bambini e ragazzi, giunta alla sua settima edizione, ospitata  presso l’Auditorium Mario Costa di Sezze (LT), organizzata con la collaborazione del circuito teatrale del Lazio (ATCL), del Comune di Sezze, della Regione Lazio e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Nel 2017 ci siamo aggiudicati su bando la gestione e direzione artistica del Teatro Comunale di Priverno (LT) che a ottobre 2017 ha riaperto al pubblico con la nostra direzione artistica e una nuova programmazione di prosa, una stagione di teatro per famiglie, una stagione di teatro-scuola, laboratori, concerti ed eventi culturali.

Nel 2016 abbiamo ideato “PollineFest”, un festival che vuole concentrare in pochi giorni il meglio delle “primavere teatrali”, un palcoscenico per diverse realtà emergenti e un’occasione di incontro e scambio tra le tante compagnie provenienti da tutta Italia. PollineFest è inserito nel network RISONANZE, rete nazionale di progetti dedicate al teatro under30.

Sempre attenti al mondo dell’infanzia, abbiamo ideato “PuntiniFest – il festival dei bambini” e “BRIf BRUF BRAF”. Eventi che hanno avuto un grande successo di pubblico e che diventeranno appuntamenti fissi per famiglie e bambini, offrendo diverse giornate dense di appuntamenti ad ingresso gratuito con spettacoli teatrali, letture, cinema, laboratori artistici, giochi, incontri e momenti di riflessione.

Dal 2015 Matutateatro fa parte di In-Box, una rete di teatri, festival e soggetti istituzionali che seleziona e promuove alcune delle esperienze produttive più interessanti della scena emergente italiana.

Dall’annualità 2017-2018 siamo sostenuti dalla Regione Lazio per il progetto Officina Culturale dei Monti Lepini.